SCanci
Attenzione! NovitÓ in merito alla Certificazione Unica per i volontari con avvio dal 10 ottobre 2017

Si avvisa che per i volontari avviati al servizio dopo il 18 aprile 2017 la normativa che si applica a tutti i volontari del servizio civile nazionale e, nella fattispecie a quelli avviati in data 10 ottobre 2017 (data successiva al 18 aprile) è la seguente:

“Per i volontari avviati dal 18 aprile 2017 (entrata in vigore del dlgv 40/17 – istituzione del Servizio civile universale) gli assegni di servizio civile sono equiparati a redditi esenti ex art. 16 comma 3 del succitato Decreto: “Gli assegni attribuiti ai volontari in servizio civile universale, inquadrati nei redditi derivanti dalle assunzioni di obblighi di fare, non fare o permettere, sono esenti da imposizioni tributarie e non sono imponibili ai fini previdenziali”

Pertanto gli assegni percepiti dai volontari in servizio civile universale non saranno imponibili ai fini IRPEF, pur andando comunque certificati dalla PA che li eroga (cioè il Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale) nell’apposito riquadro della Certificazione unica (CU) dedicato ai redditi esenti. Per analogia con altri redditi diversi, tali assegni non vanno dichiarati; quindi il volontario del servizio civile universale può rimanere a carico dei familiari”